Causa Coronavirus ancora le spedizione potrebbero risultare rallentate solo in alcune zone.

Restrizioni COVID19

 

 

A seguito del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri datato 11 marzo 2020 e successivi, che hanno stabilito ulteriori misure finalizzate al contenimento del COVID-19, inclusa in particolare la chiusura delle attività commerciali al dettaglio sull’intero territorio nazionale, confermiamo che i Corrieri continuano la propria operatività.

Tuttavia, a causa della situazione contingente, segnaliamo la possibilità di ritardi nell'esecuzione dei ritiri e un aumento dei giorni necessari al completamento del trasporto.
Maggiori ritardi e disagi potrebbero verificarsi nelle aree coperte dalle filiali di VARESE E BRESCIA.

Ci scusiamo per eventuali disagi indipendenti dall'operato nostro e dei corrieri.

In dettaglio il partner SDA Express Courier ci segnala:

  • BRESCIA : la filiale non esegue consegne e ritiri
  • VARESE : la filiale non esegue consegne e ritiri
  • Blocco dei dei ritiri per tutte le spedizioni dirette alle filiali di Varese, Brescia
  • Per i giorni 15, 18 e 19 Maggio 2020: Blocco dei colli ingombranti, superiori a 25 KG. Non potranno essere ritirati i colli (pacchi e pallet) che superano i 25 Kg o che non sia possibile movimentare con una sola persona a causa delle dimensioni/forma. 

 

 

Il partner UPS:

 

In ITALIA i ritiri e consegne sono stati sospesi nei seguenti codici postali a causa delle restrizioni governative (zone rosse, aree non accessibili). I pacchi rimarranno in giacenza per 15 giorni.

    • 00017

    • 02043

    • 04022

    • 40059

    • 64030 / 64031 / 64033 / 64034 / 64035
      65010

    • 83031

    • 84030 / 84035 / 84036

    • 85047

    • 86016 / 86077 / 86079

    • 87038 / 87054 / 87056 / 87060

    • 88842
      89064 / 89822

    • 90030

    • 91018

94011 / 94018

 

Ritiri e consegne subiranno ritardi a causa delle condizioni operative locali nei seguenti codici postali:

  • Modena: da 41010 a 41059; da 41121 a 41126

  • Genova: da 16010 a 16049; da 16121 a 16167

  • L'Aquila: da 67010 a 67069; 67100

 

Spagna:

Ritiri e consegne sono stati sospesi nei seguenti codici postali:

  • 08700 / 08710 / 08711 / 08712 / 08788

 

 

Austria:

Ritiri e consegne sono stati sospesi nei seguenti codici postali:

  • 5541 / 5542

  • 5611 / 5612 / 5630 / 5632 / 5645

  • 5700 / 5753

  • 6553 / 6555 / 6561 / 6563 / 6580

  • 6754 / 6762 / 6763 / 6767

  • 6888

 

 

Francia:

Ritiri e consegne subiranno disagi nei seguenti CAP:

  • 07110 – 07120 / 07140 - 07190

  • 07310 – 07330 / 07380 - 07409

  • 07440 - 07470

  • 07510

  • 07630 - 07660

  • 26150 – 26190 / 26220 – 26230 / 26310 / 26340

  • 26410 - 26470

  • 26510 / 26560 - 26570

  • 26620

  • 26730 – 26740

 

I clienti verranno contattati telefonicamente se non è possibile completare un ritiro.

 

 

Germania:

Per i seguenti codici postali, le spedizioni devono essere consegnate con etichette prestampate.

  • 41800 – 41899

  • 52000 – 52599

 

 

Portogallo:

Ritiri e consegne sono stati sospesi nei seguenti codici postali:

  • 3880000 – 3880999

  • 3885000 - 3885999

 

Restrizioni COVID19

powered by social2s

Chi mi conosce bene sa che non sono tanto bravo a scrivere,ma mi va di buttare giu 2 righe per esprimere brevemente

The exotic farm nasce come una pagina di condivisione del proprio percorso di un neo agricoltore che si approccia per la prima volta alla coltivazione della frutta esotica nel sdu Italia , anno dopo anno si fa tesoro di esperienze dirette e non dirette,fallimenti e successi,e si cresce con l'acquisto di nuove piante e relativo studio.

The exotic farm cresce...cresce la coltivazione,crescono i numeri di followers su facebook (manca poco per i 2000 nel momento in cui scrivo) , "The exotic farm" diventa un nome noto,e google analytics mi mostra come il nome è presente nel motore di ricerca quando si cercano piante esotiche, ricevo messaggi da parte di giornalisti che vorrebbero intervistarmi,inviti a fiere ed eventi per presentare le mie piante/frutti,richieste di collaborazioni , messaggi privati in cui degli sconosciuti volevano semplicemente complimentarsi con me per l'idea avuta di "uscire fuori dagli schemi" in una regione come la Calabria,che il piu' delle volte non viene etichettata come un territorio al passo coi tempi,anzi.

Un grande incentivo a voler fare di piu' per quest'anno ,deriva dai riscontri avuti durante l'estate/autunno scorsi grazie a persone di spicco in ambito della gelateria/pasticceria artigianale, tra i quali figurano(in ordine cronologico, e a cui va un infinito ringraziamento) :

- Felipe Zuniga , della motorpowerco , multinazionale produttrice della macchina mantecatrice "principessa"  che ha esibito i miei frutti freschi e lavorati dalla loro macchina, presso l'evento Host 2019 tenutosi a Milano;

- Luca Butti , della gelateria Nonna Papera ( Quality awards 2016, Gastronauta 2018 secondo posto, 2 coni Gambero Rosso 2019, Guida Golosario 2020, Gastronauta 2019 secondo posto, "Gelaterie in web 2019" primo posto) ;

- Gianfrancesco Cutelli , della gelateria De' Coltelli  ,  (3 coni nella guida gelateria d'Italia 2020 Gambero Rosso, 1° PREMIO Procopio Cutò allo Sherbet Festival Catania,Tra le prime 10 gelaterie d’Italia nella classifica di DISSAPORE,Inseriti nella “Guida ai piaceri e ai sapori della Toscana” edita da Repubblica,Tra le migliori gelaterie d’Italia per “La Cucina Italiana”,Tra le migliori 10 gelaterie d’Italia per Il Giornale.it,Tra le migliori 10 gelaterie d’Italia per la prestigiosa rivista tedesca Der Feinschmecker,Inseriti da  “Il Golosario” fra le migliori gelaterie d'Italia,Inseriti fra le migliori venti gelaterie d'Italia da "Dove");

​- Fabio Mellace , della gelateria Marrons Glacés , premiato come miglior gelatiere d’Italia al Sigep 2020.

Ho avuto l'opportunità di aiutare studenti a scrivere le loro tesine per gli esami delle superiori fornendo materiale fotografico e informazioni sulle mie coltivazioni,a loro va il mio miglior auguro per il loro percorso di studi .....e di vita,con sincero affetto.

Ebbene , dal 2019 da una coltivazione hobbistica avrei voluto passare a qualcosa di piu' serio,una piccola azienda agricola, ma non mi è possibile accedere ai piani di sviluppo rurale o ottenere aiuti da parte delle Istituzioni in quanto sono dipendente a tempo indeterminato...non posso ottenere la qualifica di IAP...insomma, ho le idee,ma non posso applicarle usufruendo dei fondi e dovrei farcela con le mie forze.

Dunque, col 2020 "apro le porte" ad eventuali sponsor e/o donatori che volessero aiutarmi ad ampliare il mio progetto che consiste nella costruzione di nuove serre e l'acquisto di nuove piante, e in futuro affiancare altri progetti.

powered by social2s

Spedizioni in Italia

 

Tutti i nostri prodotti viaggeranno mezzo corriere tracciabile ,le spedizioni partiranno il lunedì successivo all'ordine favorendo la consegna sempre entro la fine della settimana.

Non è necassaria la registrazione per proseguire all'ordine,basta procedere come visitatore.

Particolari richieste ed eventuali informazioni aggiuntive possono essere inoltrate attraverso la pagina Contatti .

 

Spedizioni all'estero

 

Per gli ordini al di fuori dall'Italia è opportuno inviare richiesta attraverso il modulo Contatti comunicando la nazione, la città e lo zip code di destinazione per avere una quotazione,  avendo cura di scrivere quali varietà avere e le rispettive quantità. 

 

Le spedizioni partiranno ogni lunedi/martedi' successivo alla data dell'ordine.

powered by social2s

 

powered by social2s

pitaya autofertile pianta pitaya talea pitaya

 

The exotic farm e la coltivazione di pitaya / dragon fruit

 

The exotic farm nasce nel 2014 come un piccolo progetto dall'idea di intraprendere nuove coltivazioni sperimentali in un clima subtropicale come quello della costa Calabrese.

Il tutto spinto da una voglia di allargare gli orizzonti ,sperimentare,assaporare nuovi frutti ,coltivare piante sconosciute e condividere le esperienze.

Si testano al momento decine di piante provenienti da ogni parte del globo,dalle Americhe fino al sud-est asiatico, in particolare si sta ampliando gradualmente il "parco" pitaya / dragon fruit con già circa 500 piante di pitaya di oltre 75 varietà tra pitaya bianca  (hylocereus undatus), pitaya rossa (hylocereus costaricensis, hylocereus ocamponis e ibridi) ,pitaya magenta (hylocereus guatemalensis e ibridi), pitaya gialla (sia selenicereus megalanthus che hylocereus undatus giallo senza spine,che vanta essere stata la prima pianta di questa varietà a fruttificare in Italia).

Da circa 3 anni,per ogni varietà di pitaya vengono raccolti in un database i dati fondamentali per selezionare nel tempo le migliori varietà ( sia di pitaya autofertile che pitaya autosterile) tenendo conto del grado brix medio,peso medio singolo frutto,periodo di fioritura e maturazione,nonchè viene studiata la tollerenza alle basse e alte temperature e diversi metodi di potatura ed allevamento per cercare quello piu' efficace.

Le coltivazioni di frutti esotici si estendono su una superficie di circa 4000 mq di cui 520mq di serre non riscaldate , e una è interamente dedicata per la coltivazione della pitaya.

L'impegno è costante per poter raggiungere anche il fine di variare le solite colture del nostro areale e rivalutare il sud Italia in ambito agricolo ,coltivare e vendere a kilometro zero ciò che ora importiamo da lontano a discapito della qualità dei prodotti,non raccolti al giusto grado di maturazione.

Di seguito una foto dell'ultimo impianto di pitaya ancora da ridefinire:

 

Coltivazione pitaya italia
 

 

 

 

powered by social2s